Effetto antivirale del lisozima

Uno dei primi (nel 1973) l’effetto antivirale di questa proteina è stato descritto da H. Arimura. Secondo i suoi dati, il lisozima isolato dalla placenta umana ha ridotto l’assorbimento del virus ectromelia sulla superficie cellulare, in relazione al quale è stato suggerito che l’importante ruolo protettivo di questa proteina durante la gravidanza, quando alcuni altri legami di difesa anti-infettiva sono parzialmente soppressi [36] . Successivamente, S. Lee-Huang et al. hanno dimostrato la capacità del lisozima della proteina dell’uovo di gallina, così come del lisozima di tipo C umano isolato da diverse fonti (urina, latte e neutrofili), di sopprimere in modo dose-dipendente la replicazione dell’HIV-1 nelle colture di linfociti T e monociti sensibili a questo virus. Degno di nota è l’ampio intervallo di concentrazioni (0,01-10 μg/ml), in cui questa proteina ha mostrato effetti virostatici.[37] . È stato anche scoperto che la proprietà del lisozima lega il DNA e l’RNA. L’interazione del lisozima e delle relative molecole con gli acidi nucleici è stata confermata da diversi metodi (elettroforesi su gel, determinazione dell’attività enzimatica, coprecipitazione) e ha permesso agli autori di formulare la tesi che è questa proprietà del lisozima alla base della sua capacità di sopprimere l’HIV-1 replicazione e possibilmente altri virus [38]… Nella coltura tissutale, il lisozima inibisce la riproduzione dei virus stimolando la sintesi dell’interferone. Gli interferoni sono il nome generico con cui attualmente combinano un certo numero di proteine ​​con proprietà simili, secrete dalle cellule del corpo in risposta all’invasione del virus. L’azione dell’interferone non è associata a un effetto diretto su virus o cellule, ad es. l’interferone non funziona al di fuori della cellula. Adsorbito sulla superficie cellulare o penetrando nella cellula, influenza i processi di riproduzione virale o di proliferazione cellulare attraverso il genoma cellulare (attiva la sintesi di enzimi e inibitori che bloccano la traduzione dell’mRNA virale, proteggendo così le cellule vicine dall’infezione virale). Grazie agli interferoni, le cellule diventano immuni al virus. Gli effetti antivirali del lisozima in relazione a:

  • virus dell’herpes (somministrazione orale alla dose di 1 g/die) [39] [40] .
  • morbillo [41] .
  • epatite – l’uso di lisozima cloruro alla dose di 60-170 mg/die per 4-24 settimane ha ridotto significativamente l’incidenza di epatite post-trasfusione all’8% rispetto al 20% [42] .
  • poliomielite – mentre il lisozima è meno tossico della maggior parte dei composti o agenti antivirali [43] .
  • cereali virali – l’inclusione del farmaco Lizobakt (principio attivo Lysozyme) nella complessa terapia ha garantito un più rapido recupero clinico e di laboratorio dei pazienti e una riduzione della durata della loro degenza ospedaliera. [44]

La possibilità del lisozima nel prevenire la malattia da COVID-19 e nel ridurre la probabilità di transizione della malattia dai polmoni alle forme gravi è oggetto di studio attivo. [45] [46]

Si presume che la replicazione primaria del virus SARS-CoV-2 avvenga nel tratto respiratorio superiore. Il lisozima inibisce la penetrazione virale legandosi ai recettori cellulari o al virus – è richiesta una natura cationica e idrofobica, non un’attività enzimatica; colpisce il recettore a cui si lega il virus SARS-CoV-2; danneggia l’involucro del virus; inibisce la fusione cellulare indotta dal virus. Ciò influenza l’infezione, la riproduzione e la diffusione del virus all’interno del corpo. [46] . Influenza la segnalazione cellulare, inclusa la via NF-kB, che influenza la suscettibilità alle infezioni. Lega gli acidi nucleici [47] .
Fonte: https://ru.wikipedia.org/wiki/%D0%9B%D0%B8%D0%B7%D0%BE%D1%86%D0%B8%D0%BC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.