Effetto del lisozima sui micobatteri

L’effetto del lisozima sulla crescita di diversi ceppi di micobatteri è stato esaminato a pH 5,0-7,0 in terreno Dubos contenente varie concentrazioni di lisozima (100-2.000 microgrammi/ml). Mycobacterium smegmatis e M. phlei erano sensibili al lisozima a pH 5,0-7,0. L’effetto del lisozima è stato marcato tra pH 6,0 e 7,0 e la conta delle colonie è stata ridotta a circa 0,1-10% dopo l’incubazione con 100 microgrammi di lisozima per ml per 48 ore. A pH 5,0, il 10-40% degli organismi è sopravvissuto al trattamento con 1.000 microgrammi di lisozima per ml per 48 ore. M. bovis ceppo BCG, M. tuberculosis e M. fortuitum sembravano essere più resistenti al lisozima rispetto a M. smegmatis e M. phlei. M. smegmatis e M. phlei non contenevano quantità rilevabili di acido poli-L-glutammico, sebbene la suscettibilità dei micobatteri al lisozima non fosse correlata con le quantità del polimero nelle pareti cellulari. Viene discusso il ruolo del lisozima nelle infezioni animali con i cosiddetti micobatteri saprofiti.
Fonte: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/6163948/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.