Il lisozima di Fleming è un agente analgesico? Una rivalutazione sperimentale dei dati clinici

Il lisozima di albume d’uovo di gallina (lisozima di Fleming) è stato testato per l’attività antinocicettiva nei ratti contro l’iperalgesia del piede provocata da un’iniezione sottoplantare di una serie di sostanze irritanti: acido arachidonico, lievito di birra, carragenina, caolino, mepartricina e siero anti-ratto di coniglio (Randall-Selitto metodo). Il composto era attivo quando somministrato PO, im o iv (100-200-400 mg/kg) nonché quando iniettato localmente nel cuscinetto del piede in concomitanza con l’irritante (1-2-4 mg/ratto). Il lisozima ha diminuito la sensibilità della zampa infiammata alla stimolazione nocicettiva, ha lasciato inalterata la sensibilità della zampa normale e non ha ridotto l’edema della zampa infiammata. Differiva nella sua attività dai farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei e dagli analgesici centrali utilizzati come farmaci standard di riferimento. La sua attività non era condivisa dall’albume d’uovo di gallina e dall’ovoalbumina. Contrariamente al destrano, il lisozima ip non ha indotto reazioni anafilattoidi. Il lisozima non ha provocato tolleranza e non ha interferito con l’attività antinocicettiva della morfina. I risultati sono in accordo con i dati clinici pubblicati anni fa. Si diceva che il lisozima fosse un agente attivo contro l’herpes zoster e il dolore da cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.